nuovo approccio alla diagnosi di malattia di Lyme mostra la promessa

sfondo

risultati

La malattia di Lyme può essere difficile da diagnosticare nelle sue fasi iniziali, perché spesso le persone arrivano in ufficio o in ospedale del medico con i sintomi della malattia, ma non ha anticorpi rilevabili tramite test di laboratorio sierologici standard. I test attuali mancano dal 60 al 70 per cento dei casi in fase iniziale della malattia di Lyme, che porta a un eccesso di test, diagnosi errate e cattiva gestione del paziente. Nuovi approcci diagnostici ai malattia di Lyme sono molto necessari.

In un recente studio, un team di ricercatori provenienti da theernment, Colorado State University e New York Medical College, sostenuta da theernment, ha esplorato la possibilità di utilizzare markers metabolici per diagnosticare la malattia di Lyme in stadio precoce. Quando una malattia infetta il corpo, il sistema immunitario innesca immediatamente una risposta infiammatoria. Utilizzando una tecnologia chiamata metabolomica, gli scienziati possono studiare sistematicamente le impronte unici lasciati da la risposta infiammatoria. metaboliti o pannelli di metaboliti osservati dopo l’infezione con una malattia specifica individuali sono designati come marcatori, o biosignatures, di tale malattia. Gli scienziati hanno ipotizzato che la risposta infiammatoria unico per la malattia di Lyme precoce potrebbe distinguerlo da controlli sani e di altre malattie che causano sintomi simili.

Importanza

Per testare la loro teoria, i ricercatori hanno analizzato campioni di siero incassato da parte di persone con malattia in stadio precoce di Lyme, le persone con altre malattie, e le persone sane. L’analisi ha rivelato piccoli metaboliti molecola che erano unico per i primi campioni della malattia di Lyme. I ricercatori hanno poi utilizzato modelli statistici per valutare se questi marcatori metabolici potrebbero accuratamente categorizzare in fase iniziale pazienti con malattia di Lyme rispetto ai controlli sani e altre malattie. Hanno trovato profilo metabolico raggiunto significativamente maggiore sensibilità diagnostica (88 per cento) rispetto ai test di laboratorio standard e mantenuto una elevata specificità del 95 per cento nella diagnosi della malattia di Lyme in stadio precoce. I marcatori anche identificati correttamente 77-95 per cento dei pazienti con malattia di Lyme in fase iniziale che erano stati erroneamente identificati come dai test di laboratorio standard di libera da malattia.

Prossimi passi

Lo studio fornisce la prova-of-concept per un approccio diagnostico innovativo per la malattia di Lyme che ha miglioramenti rispetto il processo di test standard. La malattia di Lyme può essere facilmente confusa con altre malattie a causa di sintomi simili, quindi un test migliorato ridurrebbe diagnosi errate e aiutare i pazienti a ricevere rapidamente un trattamento appropriato.

Gli scienziati dovranno studiare i marcatori metabolici in modo più approfondito per ottimizzare la specificità e sensibilità per evitare che i risultati dei test falsi e per promuovere la gestione antibiotico. Il continuo sviluppo richiederà anche campioni di siero di pazienti con altre malattie che hanno sintomi simili, come la malattia di Lyme, come le altre malattie trasmesse da zecche, cellulite e infezioni fungine. I ricercatori potrebbero anche analizzare sieri di pazienti con altre forme di malattia di Lyme, tra cui malattia neurologica di Lyme, Lyme cardite, e l’artrite di Lyme, per scoprire altri marker o raffinati per il riconoscimento precoce di questi più gravi tipi di malattie.

Riferimento

CR Molins et al. Sviluppo di un BioSignature metabolica per la diagnosi precoce della malattia di Lyme. Clinical Infectious Diseases. DOI: 10.1093 / cid / civ185.